Cyberpunk 2077 ha (di nuovo) ricevuto dei Leak sulla nuova Espansione

Un dataminer sostiene di aver trovato i sottotitoli di un’imminente espansione di Cyberpunk 2077 nella patch di febbraio che ha portato alla versione 1.5 del gioco open-world di CD Projekt.

L’archivio contiene file di testo, per lo più dialoghi in inglese ma alcuni in polacco, è stato caricato su diversi subreddit, tra cui r/GamingLeaksAndRumours.

All’interno dell’archivio ci sono cartelle chiamate “quest” e “open_world”, la seconda delle quali ha sottocartelle per “fixer”, “mini_world_stories”, “scene”, “street_stories” e “world_encounters”.

Il testo presenta una ricca trama e le relative missioni secondarie che iniziano con l’infiltrazione di V nella Combat Zone, un’area di Night City che non era stata esplorata in precedenza in Cyberpunk 2077.

L’incaricato della missione è un netrunner di nome Songbird, che entra nella testa di V e sostituisce temporaneamente Johnny Silverhand, il che sembra un modo furbo per spiegare l’assenza di Keanu Reeves. Se ci pensate, richiamare l’attore per un intero DLC sarebbe stato troppo dispendioso.

Sebbene la carne al fuoco di questa espansione sembri una storia secondaria, ci sono anche file relativi ai finali di Cyberpunk 2077, che suggeriscono che se si gioca questo filone sbloccherà altrettanti finali alternativi.

All’inizio di quest’anno l’amministratore delegato di CD Projekt, Adam Kiciński, aveva ribadito che le espansioni di Cyberpunk 2077 erano ancora in fase di sviluppo, affermando: “Posso confermare che stiamo lavorando alle espansioni; non è cambiato nulla”.

Tuttavia, l’annuncio del prossimo gioco di Witcher menzionava “l’imminente espansione di Cyberpunk 2077” al singolare, e durante la conferenza sui risultati del Q1 2022 di CD Projekt anche Kiciński sembrava fare riferimento a una “espansione di Cyberpunk”.

I Redditor che si aspettavano due espansioni non hanno preso bene l’idea che ce ne sarà solo una, anche se è del tutto possibile che stiano leggendo troppo nell’uso incoerente del plurale da parte di persone non madrelingua inglese. Non ci resta che aspettare e vedere.