Luto: presentato al Future Games Show l’horror ispirato a P.T.

P.T. ha fatto scuola, purtroppo non tutti gli alunni sono stati attenti. Dall’uscita, e successiva morte, del playable teaser sono cresciuti come funghi titoli che hanno cercato di emulare quello che doveva essere Silent Hills di Hideo Kojima.

I risultati sono stati altalenanti, si passa da titoli di buona fattura, pochi, come Visage, a titoli mediocri, ma godibili, come Infliction, ad altri ancora sotto la sufficienza come Evil Inside.

Durante il future Games Show, è stato mostrato il trailer di un altro progetto horror che ci conduce in corridoi claustrofobici e case infestate: Luto.

Non riesco a uscire dalla mia casa

Il nuovo horror Luto ha debuttato con un nuovissimo trailer di gioco al Future Games Show. Potete vederlo qui di seguito:

Si tratta di un’esperienza di stampo psicologico che vuole esplorare “il dolore e la perdita in un ambiente familiare”, Luto proviene dallo studio spagnolo Broken Bird Games e non può non far tornare alla mente P.T. di Hideo Kojima. Cosa positiva perché ricordare quel capolavoro è un dovere per ogni appassionato di horror, potenzialmente negativa perché le aspettative troppo alte potrebbero fare brutte sorprese.

Luto, come di consueto, sarà giocabile con una prospettiva in prima persona, nel titolo si “impersona una persona incapace di uscire dalla propria casa”. “Trovare il modo di uscirne vi condurrà attraverso una serie di percorsi che metteranno alla prova i vostri sensi”, si legge nella descrizione del negozio Steam.

Le tematiche affrontate da Luto sono forti, ad esempio l’ansia, la depressione e il suicidio, pertanto “potrebbe non essere adatto a tutti i tipi di pubblico”. D’altronde, titoli di questo genere puntano molto sull’esplorazione non solo in ambito ludico, ma anche umano, cercando di incutere timore nel giocatore e angosciarlo con argomenti sensibili. Il gioco tratterà anche “diverse fobie“, tra cui la monofobia (paura di stare da soli), la claustrofobia (paura dei luoghi chiusi), l’agorafobia (paura degli spazi aperti) e la nyctofobia (paura del buio). Insomma, il quadro generale sembra davvero inquietante.

Non c’è ancora una data di uscita confermata, ma al momento si prevede che il gioco uscirà nel 2022 su PC, PS4 e PS5.