Starfield occuperà tanto spazio all’evento Xbox di stasera

Starfield doveva essere il fiore all’occhiello della produzione Microsoft di quest’anno, il sigillo che andava a suggellare la partnership tra l’azienda di Xbox e Bethesda. Lo sarà sicuramente, siamo fiduciosi, ma Starfield nel 2022 non uscirà: la data prevista dell’11 novembre, che ha anche un significato simbolico avendo visto l’uscita di The Elder Scrolls V: Skyrim, è stata cancellata dai calendari dei possessori di una console Microsoft, il titolo è ora previsto per il 2023.

Questo rinvio non ha fatto felici i giocatori, pertanto è chiaro che chi sta dietro all’ambiziosissimo progetto voglia farsi perdonare. L’insider Tom Henderson ha forse scoperto il modo in cui questo verrà fatto: Starfield occuperà tanto spazio all’Xbox Showcase, verranno mostrate tante cose nuove, tra cui una bella porzione di gameplay.

L’evento di stasera, con inizio alle ore 19.00, avrà una durata di 95 minuti, il 20% di questo minutaggio, stando alle parole di Henderson, verrà usato da Starfield. Stiamo parlando, dunque, di circa 20 minuti.

Starfield è pronto a farsi perdonare

Un rinvio rimane un rinvio, questo nessuno lo nega, ma risulterebbe ancora più fastidioso se nel mentre non venisse mostrato alcunché di un titolo attesissimo. Di Starfield, nonostante sia il progetto più grande in questo momento in lavorazione, non si è visto tantissimo, un teaser trailer e qualche artwork, i giocatori vorrebbero qualche dato in più su cui ragionare.

L’Xbox e Bethesda Showcase dovrà dare delle risposte, tra cui una sullo stato dei lavori, perché oltre a una data non confermata, i giocatori hanno dovuto anche ascoltare le presunte dichiarazioni di alcuni sviluppatori, i quali avrebbero insinuato la presenza di problemi interni causati dal motore di gioco e che Starfield avrebbe potuto fare la fine di Cyberpunk 2077.

Insomma, i fan non sono inferociti, ci mancherebbe, ma vorrebbero iniziare a toccare con mano qualcosa di concreto su questo Starfield, un gioco che sembra incredibile, all’avanguardia, e che dovrà rispettare le promesse, visto che la prima, la data, non l’ha rispettata.

Fermo restando che un rinvio può essere una cosa positiva perché aiuta gli sviluppatori a limare tutto ciò che non va, offrendo poi agli utenti un’esperienza di qualità e senza intoppi. Todd Howard, un paio di giorni fa, inoltre, ha dichiarato che il team sta facendo gli ultimi ritocchi. Se questo è vero, dovremo davvero aspettarci qualcosa di grosso allo showcase, anche se non puntiamo moltissimo su una nuova data di rilascio.