Il nuovo Call of Duty ambientato durante la Guerra del Golfo?

Nei videogiochi bellici, quali Call of Duty e Battlefield, i giocatori vengono catapultati prevalentemente in due periodi storici che hanno segnato il Novecento: la Grande Guerra e la Seconda Guerra Mondiale. Purtroppo, però, i conflitti che hanno devastato il mondo sono molti di più, così di tanto in tanto, questi vengono ripresi per non stuccare i giocatori obbligati a giocare sempre le stesse guerre.

Ad esempio, l’ultimo Black Ops è stato ambientato durante la Guerra Fredda, un conflitto che è stato comunque una diretta conseguenza della Seconda Guerra Mondiale. Il prossimo Call of Duty potrebbe cambiare completamente setting, stando a un leak abbastanza plausibile.

Call of Duty nella Guerra del Golfo?

Secondo i fan, l’importante fuga di notizie su Call of Duty di questo fine settimana indica un’ambientazione nell’era della Guerra del Golfo per il prossimo Black Ops.

L’enorme quantità di informazioni trapelate – apparentemente estratte dai file di una build alpha di Warzone Mobile – ha descritto in dettaglio elementi di diversi giochi in uscita, tra cui la prossima versione di Black Ops dello studio Treyarch, prevista per il 2024. I dettagli sono stati pubblicati su Twitter dall’utente RealiityUK, il cui account è stato ora sospeso (indizio che fa capire che i leak sono veritieri), anche se una descrizione di ciò che è stato pubblicato rimane su Reddit.

Denominato “T10”, il gioco di Treyarch, ancora senza nome, sembra essere un altro titolo della popolare sottoserie Black Ops, che di recente ha visitato la Guerra Fredda. I file relativi a questo prossimo titolo menzionano il Lockheed F-117 Nighthawk, aereo da attacco al suolo ampiamente utilizzato dall’esercito statunitense durante la Guerra del Golfo.

La concept art – ora rimossa da Twitter insieme al resto dell’account di RealiityUK – mostrava l’interno di un palazzo distrutto, con i soldati statunitensi che prendevano d’assalto il luogo ornato e sgargiante. C’è anche un riferimento a Mogadiscio, capitale della Somalia, forse un cenno alla battaglia di Mogadiscio dell’ottobre 1993, i cui dettagli sono stati adattati nel film Black Hawk Down.

L’uscita del gioco di Treyarch era prevista per l’anno prossimo, ma a febbraio Bloomberg ha riferito che il gioco è stato posticipato al 2024, cosa rara per la serie Call of Duty che ha sempre avuto una cadenza annuale.

Leggi anche: Battlefield: Bad Company 3 è in sviluppo?