Final Fantasy XIV: il cosplay di Y’shtola è da pelle d’oca

Y’shtola è uno dei personaggi più celebri di Final Fantasy XIV: questo il tributo speciale della cosplayer Sun.

Y’shtola Rhul [ɪʃtoʊlɑː] (Shtola della Tribù del Giaguaro, figlia di Rhul), nota anche come Maestro Matoya (マトーヤの姐さん, Matōya no Anesan? Lady Matoya; o 魔女マトーヤ, Majo Matōya?, Sorceress Matoya), è una Cercatrice del Sole Miqo’te Conjurer e uno dei personaggi principali della storia di Limsa Lominsa in Final Fantasy XIV. La sua prima apparizione risale all’inizio della versione 1.0, quando aiuta l’avventuriero durante l’attacco dell’Aurelia alla nave. In seguito è diventata un PNG importante in A Realm Reborn e nelle sue espansioni.

Y’shtola proviene dalla colonia Sharlayan nell’entroterra dravaniano, dove ha trascorso gran parte della sua giovinezza come studentessa di Matoya. Quindici anni prima di A Realm Reborn, la minaccia dell’Impero Garlean spinse i coloni ad abbandonare la Dravania e a tornare nella madrepatria Sharlayan. Tutti i membri della colonia, tranne Matoya, lasciarono l’entroterra dravaniano e navigarono verso nord, compresa Y’shtola, che all’epoca era un’adolescente.

Y’shtola è una Miqo’te dei Cercatori del Sole con pelle marrone chiaro e segni marroni sul viso, occhi chiari e capelli biondo platino con due codini frontali legati da anelli. Veste una dalmatica bianca con motivi argentati e il marchio del Circolo della Conoscenza sul braccio sinistro, pantaloni blu e stivaletti neri. Al collo porta un dispositivo visivo che le permette di analizzare l’attività eterea nell’ambiente. Sul collo ha il tatuaggio di un Arconte. Impugna una bacchetta da prestigiatore a una mano che assomiglia a un ramo d’albero.

Nel cosplay ideato da Sun possiamo ammirare un costume di pregevole fattura di Y’shtola fatto interamente a mano: la cosplayer ha riprodotto fedelmente i segni sul viso e la capigliatura facendosi fotografare in mezzo alla natura: magia vera!