Qual è l’animale che uccide più esseri umani ogni anno?

La risposta non è quella che ti aspetti

Se pensiamo ad un animale mortale, potremmo pensare ad un feroce leone, uno squalo o persino un rinoceronte.

Tuttavia, secondo diversi studi, l‘animale più letale del mondo è molto più piccolo e molto più irritante. Ne esistono più di 100 varietà e si nutre di sangue umano, trasportando una vasta gamma di malattie da una persona all’altra. Avete già capito? Proprio così: la zanzara, ronzante e facile da schiacciare, è la creatura più letale.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ogni anno più di 725.000 persone nel mondo vengono uccise da malattie trasmesse dalle zanzare. La più grave è la malaria, che uccide almeno 600.000 persone l’anno, ma tra le altre malattie letali ci sono la febbre dengue, la febbre gialla e l’encefalite.

Le killer (poco) silenziose

Una delle caratteristiche che le rende così letali è la loro grandissima capacità di adattamento a nuovi ambienti: le zanzare possono sopravvivere praticamente ovunque (anche se preferiscono vivere nel tuo cortile).

Un altro motivo che le rende i killer più letali per la specie umana è l’estrema rapidità con cui si riproducono: non hanno bisogno di grossi ristagni perché hanno imparato a procreare in poche gocce d’acqua. Ogni femmina di zanzara può produrre da 50 a 500 uova nella sua prima covata.

Nelle aree in cui le zanzare sono diffuse e portano malattie mortali, le autorità locali cercano di controllarne la popolazione con applicazioni di routine di pesticidi. È possibile proteggersi eliminando i luoghi in cui si può accumulare l’acqua stagnante (ad esempio vasche per uccelli, sottovasi, grondaie poco drenanti).

Anche un po’ di protezione può essere utile: Bernard Cohen, professore di dermatologia presso la Johns Hopkins University School of Medicine, consiglia di applicare un repellente per insetti che contenga DEET (fino al 30%) quando siamo all’aperto e riapplicare ogni quattro ore circa.

In ogni caso, la letalità delle zanzare nel nostro emisfero è relativamente bassa, e forse dovremmo preoccuparci più di quello che è il secondo animale più letale per l’uomo, con circa 475.000 vittime l’anno: l’uomo.