Non fare questa cosa in Burundi, potresti essere arrestato

Nello stato africano del Burundi è stata applicata una curiosa legge su un’attività abbastanza normale qui in Italia.

Il mondo è pieno di stranezze e per quanto riguarda le leggi c’è un capitolo a parte: i vari paesi del mondo hanno una cultura totalmente diversa gli uni dagli altri e per questo motivo esistono delle leggi che a noi sembrano davvero bizzarre, ma che in alcuni paesi rispecchiano la società in cui la popolazione vive.

Una di queste leggi bizzarre la troviamo in Burundi, uno Stato africano di 27.830 km² di superficie. Il Burundi è il paese più povero del mondo in base al PIL nominale pro capite, con un reddito annuale di 622 dollari statunitensi al 2022, e uno dei paesi con l’indice di sviluppo umano più basso del pianeta; ma oggi parliamo di una strana legge emanata nel 2014 dall’ormai ex presidente Pierre Nkurunziza.

Mai correre in Burundi!

Dal 2014, infatti, Pierre Nkurunziza emanò una legge secondo la quale era vietato in Burundi riunirsi per fare jogging. Una pratica abbastanza comune in moltissimi paesi, quante volte ci siamo organizzati con degli amici per fare un po’ di corsetta e smaltire il pranzo di Natale? Beh, se l’avessimo fatto in Burundi, saremmo stati arrestati.

Questa legge non è stata fatta ovviamente per incentivare la sedentarietà e avere una popolazione che ripudia l’attività fisica, ma semplicemente per evitare complotti contro lo Stato e il Presidente: molti criminali, infatti, si riunivano per tramare colpi di Stato con la scusa di fare jogging.