Perché il Brasile si chiama Brasile?

Il Brasile perché si chiama così? Qual è la ragione per cui lo stato sudamericano si chiama proprio in questo modo? Una spiegazione ovviamente c’è e ve la diamo.

I nomi degli stati non vengono scelti a caso, esistono ragioni politiche, sociali, geografiche che portano alla scelta del nome di una nazione. Vi abbiamo spiegato, ad esempio, perché il Canada si chiama Canada, adesso vogliamo rispondere a un altro quesito toponomastico: perché il Brasile si chiama Brasile?

Il Brasile è uno dei sogni di chi vorrebbe una nuova vita tra spiagge, relax e belle donne; famoso per le sue bellezze naturali, per il Carnevale di Rio De Janeiro e per i suoi campioni che ci deliziano con tocchi di classe sui campi di calcio, il Brasile ha anche molti lati oscuri fatti di povertà ed emarginazione, rappresentati dalle favelas, i quartieri più poveri.

Ma il suo nome ufficiale da cosa deriva?

Un albero ha dato il nome al Brasile

Il nome del Brasile ha derivazioni naturalistiche, infatti, è grazie a un albero che ora conosciamo lo stato sudamericano con questo nome. Le regioni litoranee del Brasile erano completamente ricoperte da Pau brasil, una pianta appartenente al genere Cesalpinia e all’ordine delle Leguminose.

Questa pianta è chiamata anche pernambuco ed è nativa della Mata Atlantica, ovvero la foresta vergine che si estende per tutta la costa atlantica. La particolarità di questo albero sta nel suo legno in grado di colorare di rosso il mare se vi viene gettato. Il suo legno, infatti, è utilizzato per la costruzione, tra le altre cose, di matite e penne a sfera. La sua resina rossa, chiamata brasileina, veniva utilizzata come colorante naturale nell’industria tessile, ma la domanda era troppo alta e provocò la devastazione di buona parte della regione.

La prima volta che il nome Brasile venne usato per identificare lo stato fu nel 1503, mentre nel 1511 divenne praticamente ufficiale.