Atlantide esiste e si trova in Egitto

Il mito di Atlantide è uno dei più conosciuti, una terra sommersa, ma di recente è stata scoperta una sua simile.

Atlantide, secondo un celebre mito di Platone, è un’isola leggendaria che si trovava oltre le Colonne d’Ercole, considerate per molti anni il limite del mondo. Una leggenda che ha ispirato numerosi racconti e opere di fantascienza e che ha fatto nascere in molti di noi la convinzione dell’esistenza di questa terra ormai sommersa dalle acque.

Una delle opere più celebri dedicata alla terra leggendaria è sicuramente il film d’animazione “Atlantis” prodotto dalla Disney. L’opera prende spunto proprio dal mito raccontato da Platone e dal romanzo di Jules Verne “Ventimila leghe sotto i mari” e raconta proprio di questo impero sommerso dalle acque.

Per anni abbiamo cercato invano queste terre e infine ci siamo convinti che si trattasse solo di una leggenda raccontata in antichità, ma nel 2000 l’archeologo francese Franck Goddio scoprì le rovine di un’antica città dell’Antico Egitto sommersa dalle acqua del Nilo. Così abbiamo avuto le prime testimonianze della città di Heracleion, o Thonis come la chiamavano gli egizi.

La città si trovava in origine su una delle isole del Delta del Nilo, ed era attraversata da una rete di canali. Possedeva diversi ancoraggi ed un grande tempio dedicato a Khonsu, che i greci identificarono poi con Eracle. In tempi successivi, il culto di Amon divenne preminente.
Era anche il luogo della celebrazione dei Misteri di Osiride, che si compiva ogni anno durante il mese di khoiak. Il dio nella sua barca cerimoniale veniva portato in processione dal tempio cittadino di Amon fino al suo santuario a Canopo. Una scoperta sensazionale.