Sapete dov’è Troia?

La città di Troia esiste davvero o è solo un luogo fittizio creato ad arte dagli scrittori greci per dare un setting alle proprie opere letterarie che ancora oggi studiamo a scuola? Troia esiste, eccome, e vi diciamo dov’è.

La guerra di Troia, chi non ha mai sentito parlare di questo conflitto che ha monopolizzato le nostre ore di epica greca a scuola? Oggi forse si studiano un po’ di meno questi argomenti, ma una volta era la prassi leggere le opere di autori come Omero. Infatti, la città di Troia è al centro delle vicende dell’Iliade, in cui viene raccontato il sua assalto, attraverso lo stratagemma del cavallo di legno, e viene citata anche nell’Odissea, opera in cui viene narrata la sua distruzione.

Ma Troia esiste? E dove si trova oggi? Continuate a leggere e lo scoprirete.

Troia: una città leggendaria

Quando si parla di Troia si pensa a un luogo leggendario nel concetto più comune, cioè fantastico, irreale, che trova posto solo nelle leggende e delle storie. Non è così, la città di Troia esisteva ed esiste tuttora.

Si trova esattamente in Turchia, ma se vi venisse in mente di visitarla vi ritrovereste davanti qualcosa di molto diverso da ciò che vi immaginate. Non crediate di trovare una città modernizzata, industriale, con richiami ai vecchi fasti, oggi Troia è un sito archeologico.

La città di Troia è posta nella regione nord occidentale della Turchia, nella provincia di Çanakkale, è un sito archeologico che è stato anche dichiarato patrimonio dell’UNESCO. Fino al 1871, si pensava che di Troia non fosse rimasto più nulla, fino a quando l’archeologo tedesco Heinrich Schliemann non ha riconosciuto in quegli scavi effettuati in Turchia proprio le rovine dell’antica città di Troia.

Dunque, sì, Troia esiste, ma attenzione non confondetevi con la Troia che si trova in Puglia, città in provincia di Foggia che, tra l’altro, ha anch’essa una storia antichissima.