Sei una donna che viaggia sola? Evita il Sudafrica

E anche Brasile, Russia, Messico e Iran

Il femminismo ha fatto passi da gigante e sono enormi le battaglie vinte in nome della parità dei sessi. Ma può una donna viaggiare da sola e sentirsi al sicuro in ogni luogo del mondo? Anche su questo si misura il nostro grado di civiltà.

Il blog Asher & Lyric ha studiato i 50 paesi con il maggior numero di turisti di provenienza estera, e ha stilato una classifica dei più sicuri e più pericolosi in cui viaggiare da sola per una donna nel 2019.

Le fonti consultate vanno da report delle Nazioni Unite e Organizzazione Mondiale della Sanità fino a sondaggi somministrati a donne in tutto il mondo.

Le categorie valutate per stilare la classifica e produrre “L’indice di pericolo delle donne” sono 8, anche se ce ne sono un paio che hanno più peso delle altre, come “Percentuale di donne che si sentono al sicuro a camminare da sole di notte” e “Numero di femminicidi intenzionali”.

Per entrambi questi fattori e per la categoria “Episodi di violenza sessuale tra non-partner”, il Sudafrica si è classificato come il peggior paese, con il 25% delle donne che non tornerebbero a casa non accompagnate e il maggior numero di femminicidi annuali.

Gli stati più pericolosi

Il Sudafrica quindi è primo in classifica tra i più pericolosi, seguito da Brasile e Russia. Seguono a stretto giro il Messico e l’Iran, quest’ultimo il paese con il maggior coefficiente di disuguaglianza al mondo.

I migliori paesi nell’accoglienza di turiste solitarie sono invece la Spagna, Singapore, Irlanda, Austria e Svizzera, nonostante le non eccellenti performance nel coefficiente di disuguaglianza.

E l’Italia? Si è classificata 14esima su 50: non brilla, tra gli altri, nel far sentire al sicuro le donne che passeggiano di notte (e ce lo dice anche il successo di un’iniziativa come DonneXStrada), ma viene reputato tutto sommato un paese sicuro.

L’Infografica

Qui di seguito un’infografica molto esemplificativa: