In Thailandia questa bibita fa venire il diabete

Le bevande zuccherate sono un piacere d’estate, ma bisogna stare molto attenti perché la quantità di zucchero al loro interno in alcuni casi è preoccupante. Ne esiste una che batte ogni record, fortunatamente non è venduta in Italia.

Le bevande che contengono molti zuccheri possono creare una vera e propria dipendenza. Sembrano dissetanti, in realtà generano l’effetto opposto, ovvero fanno venire sete in modo da convincere chi la beve ad assumerne ancora e ancora.

Ormai delle bevande più famose esistono le versioni Zero, cioè senza zuccheri ma con dolcificanti naturali tipo la stevia. Queste non sono comunque da bere con leggerezza, ma sono comunque più “salutari” delle versioni normali che invece sono agglomerati di zucchero.

Tutti pensano sempre alla Coca Cola e alla Fanta quando si parla di bevande zuccherate, ma vi stupireste a leggere la quantità di zucchero presente nel classico tè freddo o negli energy drink. C’è una bevanda però che batte ogni record, al cui interno c’è una quantità di zucchero così alta da far venire il diabete.

La bevanda più zuccherata del mondo

La bevanda con il maggior quantitativo di zucchero al mondo è una Sprite. La gustosa gazzosa al gusto limone è molto zuccherata, tuttavia quella che batte ogni record non viene prodotta in Italia, ma in Thailandia.

Nel paese asiatico infatti viene commercializzata una Sprite che contiene 47 gr. di zucchero su 100 gr., in pratica, quasi la metà della bevanda è composta di zuccheri. La Sprite italiana non è tanto più salutare, infatti, ha 30 gr. di zucchero, invece la Coca Cola ne ha 35.

Insomma, siamo comunque altini, ma la Sprite thailandese è davvero esagerata con addirittura 12 cucchiaini. E no, non stiamo parlando di una bottiglia, ma della lattina da 330 ml. Se andate in Thailandia, bevete qualcos’altro perché, sul serio, 12 cucchiaini di zucchero al giorno possono causare gravi problemi alla vostra salute.