Il metodo infallibile per toglierti un tormentone dalla testa

L’estate è finita, e con lei i tormentoni, ma gli earworm sono sempre dietro l’angolo…

A volte succede che ci rimane in testa, suonando a ripetizione e in modo invadente, una canzone o una melodia particolarmente orecchiabile: si tratta del il cosiddetto “earworm”, letteralmente “verme dell’orecchio”.

Alcune canzoni parecchio orecchiabili hanno questa capacità di rigenerarsi nella nostra mente già dal primo ascolto, altre hanno bisogno di essere ripetute, ma il fenomeno può comunque rappresentare una distrazione importante.

C’è una scienza alla base del loro successo, una formula che i produttori musicali conoscono bene: un contrasto ben pensato di motivetti semplici contornati da elementi inaspettati e complessi.

Esiste un metodo per liberarsi di quella melodia che ci rimbomba di continuo in testa? Sono stati fatti diversi studi a riguardo.

Uno dei metodi consiste nell’ascoltare la canzone, ed ascoltarla tutta fino alla fine: quello che ci impedisce di liberarcene sarebbe proprio il fatto che nella nostra testa non è conclusa. Una specie di vaccino, praticamente.

In termini scientifici si tratta di “memoria musicale involontaria”

Secondo uno studio condotto da Philip Beaman, professore di scienze cognitive dell’Università di Reading, invece, c’è un altro metodo molto più economico ed efficace: masticare una gomma.

Il principio alla base è quello della sostituzione, o sovrascrittura: la melodia che si è impressa nella nostra mente si è consolidata grazie alla ripetizione, quindi la ripetizione è la chiave per liberarsene.

Basterebbe, in teoria, ripetere una parola a caso per molte volte di fila per cancellare la melodia e sostituirla con suoni simili. Ma con un chewing gum l’effetto è più efficace: il suono del masticare, percepito dal nostro orecchio interno, è regolare, ripetuto e a tonalità costante.