10 assurde teorie in salsa Disney: parte 3

Le più interessanti interpretazioni dei messaggi nascosti nei film Disney

Dopo le shoccanti rivelazioni della seconda parte, eccoci di nuovo con un paio di film Disney che sono stati sottoposti a riletture ed analisi molto interessanti, e stavolta si parla di veri e propri classici che hanno plasmato l’immaginario collettivo di milioni di ragazzine.

La Sirenetta x Peter Pan

Ariel, la nostra protagonista, ha uno stuolo di sorelle e un padre autoritario – ma non conosciamo mai sua madre, la regina Athena.

Nel prequel La Sirenetta – Quando tutto ebbe inizio, uscito nel 2008, scopriamo che Athena è stata uccisa da un gruppo di pirati che l’hanno urtata con la loro barca. Ouch. Da qui deriva comprensibilmente l’odio di Re Tritone per gli umani.

Ma potremmo aver già incontrato Athena… in Peter Pan, nel 1953. Peter Pan e Wendy, nel film, incontrano un gruppo di sirene, tra cui due rosse di capelli. Quella con i capelli sciolti assomiglia in modo pazzesco proprio alla madre di Ariel.

Tra l’altro, secondo questa teoria, i pirati che hanno ucciso Athena avrebbero potuto aver lavorato proprio per il Capitan Uncino.

Aladino

Quella riguardante Aladino è una tra le teorie più famose nel Disneyverso.

Secondo la teoria, il film non è ambientato nel passato, ma in un futuro post-apocalittico.

Prove a supporto? Il genio della lampada dice ad Aladdin, un attimo prima di rivoluzionargli il guardaroba, che i suoi vestiti sono “troppo 3° secolo”.

Qualche tempo dopo lamenta mal di schiena, sostenendo che non è semplice stare intrappolato in una lampada per 10.000 anni. Facendo un rapido calcolo, l’anno corrente dello svolgimento dei fatti è almeno il 10.300.

Inoltre, il genio cita tanti fenomeni culturali pop attuali al momento di uscita del film, nel 1992. Il tappeto volante potrebbe essere una reliquia del passato, e il pappagallo parlante Iago avrebbe questa capacità a seguito di una mutazione, o dello sviluppo di una particolare tecnologia.

Forse il genio ha semplicemente una percezione del tempo parecchio diversa rispetto agli umani, i quali sicuramente hanno potuto volare con la fantasia sviluppando questa teoria.