Un cattivo design può costarci la vita

Una brutta esperienza d’uso può far sentire esclusi, tristi, incompetenti, ma può anche uccidere

La progettazione di esperienze utenti è la disciplina che si occupa di rendere un prodotto o servizio più intuitivo e piacevole da usare per gli utenti finali.

È molto importante progettare con il fine di aumentare il benessere dell’utente e la facilità d’uso, ma ci sono casi in cui, non essendo stati consultati gli utenti attraverso test e sondaggi, un design fatto particolarmente male può essere addirittura letale.

Se una cattiva interfaccia può non solo scoraggiare ma anche infastidire o far perdere le staffe, un episodio è costato la vita a una giovane paziente malata di cancro: le infermiere erano troppo distratte nel tentativo di capire l’interfaccia del software e la ragazza è morta di disidratazione.

Anche nel settore automotive la buona UX è cruciale.

Nel 2016 un cambio automatico mal progettato – incomprensibile, a dirla tutta – è costato la vita a Anton Yelchin, attore 27enne noto per aver interpretato il Comandante Chekov negli ultimi Star Trek.

L’uomo è rimasto ucciso nella sua villa a Los Angeles, rimasto schiacciato tra la sua auto, una Jeep Grand Cherokee del 2015, e il cancello alla fine del suo vialetto.

Com’è andata? Anton è sceso dall’auto ed è andato a chiudere il cancello, credendo che il cambio fosse in “Parcheggio”. In realtà era in “Retromarcia” o “Neutrale”, e l’auto si è precipitata giù per il ripido vialetto, uccidendolo.

A seguito di quel tragico incidente, la Chrysler ha richiamato 1,1 milioni di SUV.

Come possiamo difenderci da questi rischi? Accettiamo che i prodotti tecnologici, sempre più pervasivi nelle nostre vite, hanno un impatto sul nostro mondo, sulla nostra identità e sul modo con cui pensiamo alle persone e interagiamo con loro.

Da utenti, non bisogna colpevolizzarsi se un prodotto risulta scomodo, o le cose non sono come e dove ci aspettiamo che siano.

Da consumatori, bisogna privilegiare le aziende che progettano servizi e prodotti pensati per esseri umani, meravigliosamente fallibili e imperfetti.