Cose progettate da gente che non le deve pulire: parte 1

Alcune cose sono tanto belle da vedere, ma i progettisti non hanno tenuto a mente che beh, se vanno tenute dentro a casa, prima o poi vanno pulite.

Creare cose non è semplice come sembra: bisogna considerare un sacco di fattori, come funzionalità, facilità d’uso, piacevolezza estetica… Tuttavia, c’è una cosa che viene spesso sottovalutata, pur essendo incredibilmente importante: la possibilità di pulire facilmente l’accrocchio.

Vediamo alcuni casi in cui ci verrebbe voglia di andare a suonare al campanello dei responsabili e dirgliene quattro.

Il lavandino in ametista

Stupendo, per carità, super instagrammabile. Ma non credo esista un panno che possa raccogliere i rimasugli di dentifricio da quella superficie frastagliata…

L’acquario per pesci ricavato da una casa di bambole


Se già la pulizia dell’acquario è un lavoro tediante (seppur assolutamente necessario), non osiamo immaginare che incubo può diventare in questo caso.

Questo vaso


Sicuramente non adatto per un ambiente in cui vivono persone allergiche alla polvere.

La nuvola splendente di ovatta


Fate bei sogni, ricchi di polvere e cattivi odori.

Il buco nel muro per gettare lamette usa e getta


Chi ha pensato che questa fosse una buona soluzione? Immaginate la faccia di chi un giorno butterà giù quel muro e lo troverà pieno di lamette arrugginite.

Il radiatore con uno scaldapane

Ci sarà un motivo se abbiamo smesso di usarlo dopo l’epoca vittoriana.

Questo vaso scomposto


Bel pezzo d’arte, buona fortuna a pulirlo con uno spolverino, cerca di non rimetterci una falange.

Bottiglie di vino/Decanter


Forse sono state pensate per non essere mai usate, o per essere usa e getta, sennò non si spiega.

Il pavimento con i teschietti


Comodo da solcare, comodo da pulire.

Questo set di posate


Da lasciare a mollo per l’eternità.