Nel futuro, il tuo CEO potrebbe essere una AI

Le aziende del futuro potrebbero essere guidate dalle intelligenze artificiali

Tutto quello che abbiamo visto nei film di fantascienza, da Metropolis in poi, sta diventando realtà: il 37% delle aziende mondiali ha già implementato l’AI in qualche modo, ed entro il 2025 il 95% delle interazioni con i clienti avverrà attraverso di essa.

Le intelligenze artificiali implementate oggi – nei motori di raccomandazione e nelle auto a guida autonoma, per esempio – sono lontane dal poter interagire con le emozioni umane e ancora più lontane dall’autoconsapevolezza, intesa come capacità di prendere decisioni autonome e avere emozioni e convinzioni proprie.

Tuttavia, fa bene rifletterci per arrivare al futuro preparati: per definire se qualcosa è cosciente, dovremmo tirare in ballo concetti come coscienza, anima e intelligenza, che pertengono più alla filosofia che agli ingegneri della Silicon Valley, ed è per questo che le discussioni si svolgono ancora in ambienti accademici senza grossi risvolti sull’industria robotica.

La società cinese NetDragon Websoft, ad ogni modo, sta facendo un esperimento molto peculiare.

L’azienda di giochi per cellulari ha annunciato la nomina a direttore generale di un umano virtuale supportato dall’intelligenza artificiale.

L’essere umano virtuale sarà di supporto ai dirigenti dell’azienda nella gestione dei rischi e fornirà anche dati in tempo reale.

Sarà in grado di prendere decisioni di qualsiasi tipo? E gli umani sapranno accettarle? Cosa succede se le decisioni vengono contestate?

Se le decisioni aziendali dovrebbero essere prese solo sulla base di fatti e dati, e questo è un lavoro che indubbiamente un algoritmo può svolgere meglio di un umano, tuttavia la capacità di essere un leader e ispirare le persone è qualcosa di profondamente umano.

Nulla esclude che un algoritmo un giorno possa acquisire anche tutte le doti di un grande leader, e potrebbe essere accolto positivamente da chiunque abbia immaginato almeno una volta nella vita che il mondo possa essere un posto migliore se i decisori si basassero sui fatti nudi e crudi.

Ma siamo pronti ad affrontare il mondo degli affari con solo decisioni di questo tipo?

Siamo pronti per un mondo in cui le aziende sono guidate dalle AI?